Perché il calcio è tanto diffuso in Italia

Il calcio è lo sport più diffuso sul territorio italiano e si gioca a vari livelli agonistici. Il campionato è uno degli eventi sportivi più seguiti nazionalmente e internazionalmente, e riceve la maggior parte della copertura mediatica in Italia. All’estero molta attenzione viene data anche dalle testate tedesche, inglesi e spagnole in particolare, che non a caso sono anche i campionati stranieri più seguiti in Italia.

In Italia sin da piccoli si dà quasi per scontato che tutti i bimbi maschi siano attratti dal calcio, mentre alle bambine è associata la danza o altre attività sportive come la ginnastica artistica, la pallavolo o il nuoto. In altri paesi, come per esempio gli Stati Uniti, il calcio (chiamato “soccer”, da non confondersi con il “football”) è invece molto più popolare tra le femminucce che non tra i 1240828_1200xmaschietti.

Il calcio è diffuso in tutto il mondo, è il gioco per eccellenza a portata di tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, alti e bassi. Si considera l’attività sportiva che in teoria unisce tutti, senza fare differenze di razza, religione, educazione o livello sociale. Nel nostro paese come d’altronde negli altri, il pallone riesce a mettere insieme tutti o quasi ed è facile trovarsi a veder nascere per caso una partita di pallone improvvisata, come in spiaggia per quattro palleggi tra amici e gente che non si conosce tra loro. Basta una palla per unire: come dimenticare la partita di pallone di Natale scattata sul fronte occidentale della prima guerra mondiale nel 1914?

E perché, a questo proposito il calcio è tanto diffuso negli altri paesi?

Tutti i bambini possono facilmente giocare a calcio, anche i meno fortunati: a volte non possiedono nemmeno un pallone vero e proprio e quindi l’ingegno li porta a fabbricarsi delle sfere simili a un pallone, con ogni tipo di materiale. Possiamo affermare che questo sport è così popolare viste le barriere che è capace di buttare giù, per il concetto il gioco di squadra e forse anche per la speranza che instilla in tutti i bambini che sognano un futuro da campione in una grande squadra.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *